Decreto del presidente del consiglio dei ministri 9

VISTA la legge 2 dicembren. VISTO il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 29 dicembre recante "Fondo di intervento integrativo per la concessione dei prestiti d'onore e delle borse di studio", che, all'articolo 3, demanda per il triennio la definizione dei criteri per il riparto del Fondo al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, previsto dall'articolo 4 della legge 2 dicembren.

VISTA la legge 15 marzon. VISTA la legge 21 dicembren. VISTA la legge 3 luglion. VISTO il decreto legislativo 25 luglion. VISTO il decreto legislativo 31 marzon. VISTA la legge 5 febbraion.

VISTA la decisione n. VISTO il parere del Consiglio nazionale degli studenti universitari espresso nell'adunanza del 17 e 18 gennaio. VISTO il parere del Consiglio nazionale per l'alta formazione artistica e musicale espresso nell'adunanza dell'8 febbraio.

VISTO il prescritto parere del Consiglio universitario nazionale espresso nell'adunanza del 25 gennaio. VISTO il prescritto parere della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome espresso il 22 marzo. I servizi e gli interventi di cui all'articolo 2, comma 1, sono destinati anche agli iscritti ai corsi di studio di laurea e di laurea specialistica nelle scienze della difesa e della sicurezza, attivati ai sensi dell'articolo 3, comma 2, del decreto legislativo 28 novembren.

In via transitoria e sino al loro esaurimento, i servizi e gli interventi di cui all'articolo 2, comma 1, sono attribuiti anche agli studenti iscritti a corsi aventi valore legale attivati prima dell'attuazione del decreto ministeriale 3 novembren.

I benefici possono essere concessi agli studenti che dispongano dei requisiti previsti per l'ammissione al corso per il quale sono richiesti, indipendentemente dal numero di anni trascorsi dal conseguimento del titolo precedente. Per gli iscritti per la prima volta al primo anno dei corsi di laurea, i benefici sono attribuiti agli studenti che presentino i requisiti relativi alla condizione economica di cui all'articolo 5, anche se richiesti di specifici obblighi formativi di cui al decreto ministeriale 3 novembren.

Gli altri studenti, iscritti agli anni successivi al primo, sono ammessi ai benefici previa verifica dei requisiti relativi alla condizione economica ed al merito di cui agli articoli 5 e 6.

I bandi per l'attribuzione dei benefici di cui all'articolo 2, comma 1, devono essere pubblicati almeno quarantacinque giorni prima della rispettiva scadenza.

Phil palmer car sos

Tali controlli sono effettuati sia per gli studenti che nell'anno di riferimento abbiano presentato la autocertificazione della condizione economica, sia per quelli che abbiano mantenuto il diritto al beneficio sulla base dei criteri di merito, ai sensi dei commi 5 e 6.

Ai sensi del decreto legislativo 31 marzon. I termini per la richiesta delle borse di studio e dei servizi abitativi devono essere stabiliti, anche differenziando i tempi per gli iscritti al primo anno da quelli iscritti ad anni successivi, in modo da consentire che le procedure amministrative siano completate e rese ufficiali almeno quindici giorni prima dell'inizio dei corsi per i servizi abitativi ed entro l'inizio dei corsi per le borse di studio, con la pubblicazione di graduatorie redatte sulla base delle autocertificazioni rese dagli studenti.

Sul medesimo sito web il Ministero rende note le percentuali di copertura delle domande di borsa di studio degli studenti idonei per l'anno accademico precedente al conseguimento della borsa di studio per ciascuna sede. Qualora tale graduatoria sia esaurita o non disponibile gli organismi regionali attingono alle graduatorie per il conseguimento delle borse di studio e dei servizi abitativi, attribuendo precedenza agli idonei non beneficiari.Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 giugno Trasferimento delle risorse finanziarie e umane per l'esercizio delle funzioni in materia di miniere e risorse geotermiche alla regione Sardegna.

Ambito di applicazione 1. Il presente decreto, emanato ai sensi dell'art. Risorse finanziarie 1. Ai fini dell'esercizio delle funzioni e dei compiti di cui all'art. Risorse umane 1. Per l'esercizio delle funzioni e dei compiti di cui all'art. Per il trasferimento del personale di cui al comma 1 si applicano le procedure di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 14 dicembren.

Oneri per il personale 1. Le risorse relative al personale trasferito alla regione Sardegna sono individuate per ciascuna unita' di personale non dirigente in Euro Con decreto ministeriale si provvede alle variazioni in aumento o in diminuzione necessarie ad attribuire gli importi delle effettive retribuzioni in godimento al momento del trasferimento del personale, alla conclusione delle procedure di mobilita', secondo quanto stabilito dall'art. Il Ministro dell'economia e delle finanze provvede alle occorrenti variazioni di bilancio, sulla base del predetto decreto.

Le risorse finanziarie relative al personale trasferito alla regione Sardegna, sono trasferite contestualmente alle procedure di mobilita', secondo quanto previsto dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 14 dicembren. Ove il Ministero delle Attivita' produttive non esperisca le procedure di mobilita' secondo le disposizioni degli articoli 2 e 3 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 14 dicembren.

Nel caso in cui la regolare adozione delle procedure di mobilita' non consenta il pieno soddisfacimento dei trasferimenti, sono assegnati alla regione Sardegna risorse finanziarie in misura corrispondente al trattamento economico del personale non trasferito, cosi' come individuate nel comma 1 a valere sul fondo di cui all'art.

Procedure di trasferimento delle risorse finanziarie 1. Le risorse finanziarie di cui al presente decreto sono iscritte nell'apposito fondo istituito nello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze. A tal fine, gli stanziamenti di competenza dei capitoli dello stato di previsione del Ministero delle attivita' produttive sono ridotti di pari importo. Il Ministro dell'economia e delle finanze provvede con propri decreti alle occorrenti variazioni di bilancio.

Per gli esercizi successivi si provvede annualmente all'assegnazione delle risorse fino all'adeguamento dell'ordinamento finanziario della regione Sardegna, di cui all'art.

Roma, 9 giugno p. Il Presidente: La Loggia.Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il Dpcm 9 marzo recante nuove misure per il contenimento e il contrasto del diffondersi del virus Covid sull'intero territorio nazionale. Il provvedimento estende le misure di cui all'art. Tali disposizioni producono effetto dalla data del 10 marzo e sono efficaci fino al 3 aprile Visto il decreto-legge 23 febbraion. Considerato che l'Organizzazione mondiale della sanita' il 30 gennaio ha dichiarato l'epidemia da COVID un'emergenza di sanita' pubblica di rilevanza internazionale; Vista la delibera del Consiglio dei ministri del 31 gennaiocon la quale e' stato dichiarato, per sei mesi, lo stato di emergenza sul territorio nazionale relativo al rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili.

Considerati l'evolversi della situazione epidemiologica, il carattere particolarmente diffusivo dell'epidemia e l'incremento dei casi sul territorio nazionale; Ritenuto necessario estendere all'intero territorio nazionale le misure gia' previste dall'art.

Considerato, inoltre, che le dimensioni sovranazionali del fenomeno epidemico e l'interessamento di piu' ambiti sul territorio nazionale rendono necessarie misure volte a garantire uniformita' nell'attuazione dei programmi di profilassi elaborati in sede internazionale ed europea.

Su proposta del Ministro della salute, sentiti i Ministri dell'interno, della difesa, dell'economia e delle finanze, nonche' i Ministri dell'istruzione, della giustizia, delle infrastrutture e dei trasporti, dell'universita' e della ricerca, delle politiche agricole alimentari e forestali, dei beni e delle attivita' culturali e del turismo, del lavoro e delle politiche sociali, per la pubblica amministrazione, per le politiche giovanili e lo sport e per gli affari regionali e le autonomie, nonche' sentito il Presidente della Conferenza dei presidenti delle regioni.

Sull'intero territorio nazionale e' vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico. La lettera d dell'art. Le disposizioni del presente decreto producono effetto dalla data del 10 marzo e sono efficaci fino al 3 aprile Dalla data di efficacia delle disposizioni del presente decreto cessano di produrre effetti le misure di cui agli articoli 2 e 3 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 8 marzo ove incompatibili con la disposizione dell'art.

Registrato alla Corte dei conti il 9 marzo Ufficio controllo atti P. Ministeri della giustizia e degli affari esteri e della cooperazione internazionale, reg. Il Presidente Conte firma il Dpcm 9 marzo 9 Marzo Di seguito il testo del decreto.Oggetto: Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 8 e 9 marzo Istruzioni Operative e Ordinanza Regione Lazio.

Si ricordano che molti materiali prodotti e pubblicati sono soggetti a copyright. PFI Per ulteriori informazioni visualizza la Cookie Policy. Accesso utente Elenco siti tematici Mappa del sito Scrivici. Bruno Munari. Via C. Form di ricerca Cerca.

Organi collegiali Consiglio di Istituto Giunta esecutiva Collegio docenti Consiglio di intersezione, di interclasse, di classe Rappresentanti dei genitori Commissione mensa Consiglio di Istituto - Tu sei qui Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 8 e 9 marzo Stampa Salva.

Contenuto in:. Data di emissione:. Inviato da pasqualini. Archivio Circolari Sedi Infanzia "W. Disney" Infanzia "A.

Best ode solver

Mauri" Primaria "A. Mauri" Primaria "W. Disney" Primaria "C.Le misure decorrono da oggi 10 marzo fino al 3 aprile Sport Sospensione di eventi e competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, svolti in luoghi pubblici o privati. Svolgimento a porte chiuse di sedute di allenamento di atleti, professionisti e non professionisti, riconosciuti di interesse nazionale dal Comitato olimpico nazionale italiano CONI e dalle rispettive federazioni.

Chiusura degli impianti nei comprensori sciistici. Lavoro Raccomandazione ai datori di lavoro di promuovere la fruizione da parte dei lavoratori dipendenti dei periodi di congedo ordinario e di ferie. Sospensione di tutte le manifestazioni organizzate e degli eventi in luogo pubblico o privato, anche se svolti in luoghi chiusi ma aperti al pubblico eventi di carattere culturale, ludico, sportivo, religioso e fieristico.

Chiusura dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura. Vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico. Luoghi di culto. Sospensione delle cerimonie civili e religiose, comprese quelle funebri. Si segnalano, inoltre, le seguenti misure di informazione e prevenzione:. Uffici pubblici Sono esposte le informazioni sulle misure di prevenzione igienico sanitarie presso gli ambienti aperti al pubblico, di maggiore affollamento e transito.

Il Comune di Alba ha predisposto appositi cartelli informativi esposti in tutti gli uffici e le strutture comunali. Nel Palazzo Comunale dipendenti assicurano la regolare affluenza del pubblico agli uffici, onde evitare assembramenti agli sportelli. Esercizi commerciali Il Comune di Alba ha predisposto appositi cartelli informativi pubblicati sul sito del Comune e invita gli esercizi commerciali a stamparne copia da esporre.

Persone in sorveglianza Chiunque, a partire dal quattordicesimo giorno antecedente la data di pubblicazione del suddetto D. La funzione di incremento-decremento dei caratteri e di attivazione di alto contrasto necessita javascript. Il Comune. I Servizi. Canali tematici. Eventi della vita. Cittadini Imprese Servizi dalla A alla Z. Emergenze meteorologiche Emergenze ambientali. Vedi tutti gli appuntamenti. Free Piemonte WiFi. Galleria Fotografica.Fonti normative e documenti.

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 31 ottobre G. Regole tecniche per il protocollo informatico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 20 ottobren. Visto l'art. Titolo I Ambito di applicazione, definizioni ed obiettivi di adeguamento delle pubbliche amministrazioni. Il presente decreto stabilisce le regole tecniche, i criteri e le specifiche delle informazioni previste nelle operazioni di registrazione di protocollo, di cui all'art. Ai fini del presente decreto si intendono per: a "decreto del Presidente della Repubblica n.

Le pubbliche amministrazioni di cui al decreto n. In attuazione dell'art.

decreto del presidente del consiglio dei ministri 9

Il manuale di gestione descrive il sistema di gestione e di conservazione dei documenti e fornisce le istruzioni per il corretto funzionamento del servizio. Titolo II Il sistema di protocollo informatico. Il sistema di protocollo informatico deve consentire il controllo differenziato dell'accesso alle risorse del sistema per ciascun utente o gruppo di utenti. Il sistema di protocollo informatico deve consentire il tracciamento di qualsiasi evento di modifica delle informazioni trattate e l'individuazione del suo autore.

Le registrazioni di cui ai commi 1, lettera de 3 del presente articolo devono essere protette da modifiche non autorizzate. Fra le informazioni generate o assegnate automaticamente dal sistema e registrate in forma non modificabile l'annullamento anche di una sola di esse determina l'automatico e contestuale annullamento della intera registrazione di protocollo. Le informazioni apposte o associate al documento mediante la operazione di segnatura di cui all'art.

Le amministrazioni pubbliche di cui al decreto n.

Liceo Vittoria Colonna Roma

Le amministrazioni pubbliche di cui all'art. Ciascuna pubblica amministrazione di cui al decreto n. L'elenco di cui al comma 1, lettera dcomprende, per ciascuna area organizzativa omogenea: a la denominazione; b il codice identificativo; c a casella di posta elettronica dell'area prevista dall'art. Il codice identificativo della amministrazione viene attribuito a seguito della richiesta di accreditamento della amministrazione nell'indice delle amministrazioni pubbliche e delle aree organizzative omogenee di cui all'art.

Città di Vicenza

Il codice identificativo della amministrazione coincide con il codice identificativo proposto di cui all'art. Ciascuna amministrazione comunica tempestivamente all'indice ogni successiva modifica delle informazioni di cui all'art. Le amministrazioni possono comunicare ciascuna variazione nell'insieme delle proprie aree organizzative omogenee di cui ai commi 1 e 2 anche utilizzando i servizi telematici offerti dal sistema informatico di gestione dell'indice delle amministrazioni pubbliche.

Ad ogni messaggio di posta elettronica ricevuto da una area organizzativa omogenea corrisponde una unica operazione di registrazione di protocollo.

Ciascuna area organizzativa omogenea istituisce una casella di posta elettronica adibita alla protocollazione dei messaggi ricevuti. I messaggi di posta elettronica ricevuti da una amministrazione che sono soggetti alla registrazione di protocollo, vengono indirizzati, preferibilmente, alla casella di posta elettronica della area organizzativa omogenea destinataria del messaggio.

Nell'effettuare l'operazione di registrazione di protocollo dei documenti informatici l'impronta di cui all'art. I dati relativi alla segnatura di protocollo di un documento trasmesso da una area organizzativa omogenea sono contenuti, un'unica volta nell'ambito dello stesso messaggio, in un file, conforme alle specifiche dell'Extensible Markup Language XML 1.

Il file contiene le informazioni minime di cui al comma 1 del successivo art. Le ulteriori informazioni definite al comma 2 del predetto articolo sono incluse nello stesso file. Oltre alle informazioni specificate all'art. La realizzazione ed il funzionamento dell'indice di cui all'art. Le regole tecniche sono adeguate con cadenza almeno biennale a decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto per assicurarne la corrispondenza con le esigenze dettate dall'evoluzione delle conoscenze scientifiche e tecnologiche.

Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. Roma, 31 ottobre p. Il Presidente: Bassanini. Informazioni Motore di ricerca Indice sistematico Numeri precedenti Norme e documenti. Titolo II Il sistema di protocollo informatico Art.Remember to ask the seller to ship with no plastic packaging.

Some women prefer the Diva Cup, which can be washed and reinserted. Read about them here.

Drawing krne keleye acha love image

Several readers have offered other options. Check out my May 7, 2010 post and especially the comments for plastic-free sunscreen alternatives. Check out these new plastic-free, organic hair elastics.

decreto del presidente del consiglio dei ministri 9

This way, I can avoid all the disposable cups, plates, and cutlery in the lunchroom. Those containers contain endocrine-disrupting chemicals. My Waring Pro is all glass and metal and works just fine. It was a fun experiment. When we run out of jars, we store leftovers in bowls with saucers on top instead of plastic wrap.

Cos'è un DPCM? Decreto del presidente del consiglio dei ministri - Pillole di Diritto s02x02

Bowls with saucers are great for stacking. We also use Anchor glass refrigerator containers to store daily portions of our homemade cat food. More on that below. The key to freezing foods in glass is not to fill the jar too full, since the food will expand inside the container.

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 marzo 2020

The other caveat is not to heat the glass too quickly. Let foods thaw at room temperature to avoid glass breakage. Another option for the refrigerator or freezer are the flat-topped airtight stainless steel containers from Life Without Plastic. Their flat top makes them easy to stack and the fact that they are airtight means food can be stored longer. Read about my favorite container here. You can also learn to can foods in glass jars or dehydrate produce to keep through the winter. I did question whether it was better to donate these unhealthy items or to trash them.

Turns out, our Oaklandwater is fine without a filter. So we can avoid plastic water filter cartridges from now on.

decreto del presidente del consiglio dei ministri 9

For those who do need to filter their water, Brita has teamed up with Preserve to create a way to recycle the plastic cartridges. All prepared soy milk cartons contain plastic. I squeeze fresh lemon and lime juice and keep it in glass jars in the refrigerator. And we make our own hummus, either from dried chick peas or from the dry mix in the bulk bin at Whole Foods. I have no problem acquiring second-hand plastic.

Hih 4000 datasheet pdf

I also look for items made from recycled plastic, for the same reason. This solves several plastic problems. Lately, though, I have not had the time or energy to maintain my compost bin. But here in Oakland(as well as Berkeley and San Francisco) we have city-wide composting. We can put all of our food scraps (including meat) and food-soiled paper, along with yard waste, into our green bins.

Read more about collecting garbage without plastic trash bags. If you live inCalifornia, you should not flush cat poop unless you know for sure it is free of the parasite toxoplasma gondii, which is harmful to sea otters.


1 Comment